Home La nostra struttura

La nostra struttura

STRUTTURA

Organi propri del PLUS 21 sono:

La Conferenza dei Servizi (presieduta dal Presidente della Provincia di Cagliari o da un suo delegato -Assessore alle Politiche Sociali- e si riunisce, dietro convocazione della Provincia, per l’approvazione della programmazione e ogni qualvolta sia necessario assumere decisioni di tipo programmatorio)

Il Tavolo politico ristretto (è costituito dai soli sindaci – o assessori da questi delegati – e viene convocato dal Sindaco del comune capofila; esercita funzioni d’indirizzo, propulsione, verifica e controllo dell’attività svolta dal GtP e dall’Ufficio di Piano)

Il Gruppo tecnico di Piano (GtP, rappresenta lo strumento operativo per l’avvio e la predisposizione della programmazione a livello distrettuale; è costituito dai rappresentanti degli Enti coinvolti – Assistenti Sociali, Responsabili Servizi Sociali, amministrativi, psicologi, pedagogisti e medici. Le principali funzioni sono: attivazione e gestione dei tavoli tematici, monitoraggio delle attività di attuazione della programmazione sociosanitaria definita nel PLUS, elaborazione della programmazione periodica, partecipazione ai gruppi di lavoro per la stesura dei progetti)

L’Ufficio di Piano* (strumento operativo del GtP, diretto dal Comune capofila, è composto da un direttore, individuato nel responsabile dell’area socio-culturale del comune capofila e da un istruttore amministrativo)

I Tavoli Tematici* (sono luoghi di confronto tra diversi soggetti pubblici e privati, istituzionali e non, su tematiche specifiche. I tavoli sono stati attivati sin dall’inizio del processo di costruzione del PLUS per favorire la partecipazione del territorio nell’ambito della programmazione. Le aree tematiche individuate sono: infanzia, adolescenza e famiglia, anziani e famiglia, disabilità e famiglia, dipendenza e famiglia, salute mentale e famiglia.

La Conferenza di Programmazione* (si svolge prima dell’approvazione del documento di programmazione e rappresenta il momento di raccordo tra istituzioni e territorio. Essa viene convocata dalla Provincia e deve garantire la massima partecipazione dei soggetti pubblici e privati: le organizzazioni sindacali, di volontariato e di promozione sociale, la cooperazione sociale e ogni altra organizzazione non lucrativa presente nella comunità locale, le amministrazioni giudiziarie, le istituzioni scolastiche e della formazione, i servizi per il lavoro e le istituzioni pubbliche presenti nel contesto locale essay