Home SIA - Inclusione Attiva

REI - Reddito di Inclusione

alt

 

Dal 1° dicembre 2017 è possibile richiedere il 

Reddito di Inclusione Attiva, REI

presso il Comune di residenza  

 

Cos'è il ReI?

 

Il REI è una misura di contrasto alla povertà in favore di famiglie e persone in difficoltà economica che si concretizza tramite:

 1. un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica, la Carta REI;

2. un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà.

 

Dal 1° gennaio 2018 il REI sostituirà il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione). 

 

 A chi si rivolge?

 

Il ReI, a partire dalle domande presentate dal 1° giugno 2018, sarà erogato ai nuclei familiari in possesso congiuntamente dei seguenti requisiti economici:

- un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6 mila euro

- un valore ISRE ai fini ReI (l’indicatore reddituale dell’ISEE diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3 mila euro

- un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20 mila euro

- un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti, etc.) non superiore a 10 mila euro (ridotto a 8 mila euro per due persone e a 6 mila euro per la persona sola).

 

Per accedere al ReI è, inoltre, necessario che ciascun componente il nucleo:

- non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria

- non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità)

- non possieda imbarcazioni da diporto.

 

Per le domande con data di presentazione pari o successiva al 1° giugno 2018 non è, pertanto, richiesto alcun requisito di tipo familiare.

 

 

Per ulteriori informazioni e per la presentazione dell’istanza, rivolgersi ai servizi sociali del proprio Comune di residenza.

 

 

Sportello Sostegno per l'Inclusione attiva - CONTATTI:

 

  Assistente sociale Alessandra Bullita                                          e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

  Assistente sociale Sara Figus                                                     e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

  Assistente sociale Ilaria Mascia                                                  e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

  Assistente sociale Federica Pisu                                                 e-mail:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

  Assistente sociale Maria Silvia Pusceddu                                   e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

  Psicologa Monica Sanna                                                             e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

  Istruttore Amministrativo Matilda Murtas                                     e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

  Istruttore Amministrativo Valeria Statzu                                       e-mail:    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Tel 070 7564916; e-mail P.E.C (posta elettronica certificata):  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

_________________________________________________ 

 

Programmi scaduti: 

 

Cosa è il SIA?

 

Il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un beneficio economico e la realizzazione di un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa. Il beneficio è concesso per un periodo massimo di 12 mesi.

 

Requisiti di accesso del richiedente:

 

  • essere cittadino italiano o comunitario o suo familiare titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

  • essere residente in Italia da almeno due anni.

 

Requisiti di accesso del nucleo familiare risultante nella DSU ai fini ISEE:

 

  • essere in possesso di un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a 3mila euro;

  • non percepire altri trattamenti economici erogati da Enti Pubblici per un valore complessivo superiore a euro 600 mensili (elevati a 900 euro in presenza di persone non autosufficienti nel nucleo);

  • nessun componente deve essere beneficiario di NASPI o ASDI o altri strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati;

  • non possedere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi prima della presentazione della domanda oppure non possedere autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc;

  • presenza di almeno un componente minorenne o un componente con disabilità e almeno un suo genitore, o donna in stato di gravidanza accertata.

 

Il sussidio economico è subordinato all'adesione da parte del nucleo familiare beneficiario ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, predisposto con i Servizi Sociali del Comune in collaborazione con il Servizio Sociale per il SIA del Plus 21.

 

 

Per chiedere ulteriori informazioni, e/o presentare l’istanza, rivolgersi ai servizi sociali del proprio Comune di residenzaLe richieste possono essere presentate entro e non oltre il 31.10.2017

 

 

Documenti Consultabili:

 COME FUNZIONA IL SIA 

LINEE GUIDA 

DECRETO 26 MAGGIO 2016

DECRETO 16 MARZO 2017 - MODIFICHE AL SIA 

AVVISO 3/2016

CIRCOLARE 2 FEBBRAIO 2009